Tutta colpa delle meduse. Accade tutto per un motivo?

Tutta colpa delle meduse. Accade tutto per un motivo?

Tutta colpa delle meduse, di Ali Benjamin, Editore il Castoro, 2017
Età di lettura: dai 12 anni

Vuoi prenderlo in prestito? Usa Il Cercalibri


Copertina di Tutta colpa delle medusePer Susy, la protagonista dodicenne di «Tutta colpa delle meduse», è difficile capire perché la sua migliore amica, una nuotatrice bravissima e una persona sana, sia morta annegata.

Quando la mamma dice a Susy che Franny Jackson, la sua più cara amica, è morta mentre era in vacanza, in Suzy scatta un desiderio immenso di capire il motivo della morte e di sanare un senso di colpa che inizia a crescere dentro di lei.

Nessuno lo sa, ma tra Franny e Suzy il rapporto era cambiato, perché Franny si era avvicinata, alle ragazze più belle e popolari della scuola, lasciando Suzy sola nel suo mondo fatto di scienza e stranezze.

L’ultimo ricordo che Suzy ha dell’amica è di Franny in lacrime, vittima di una sua cattiveria, messa in pratica quasi innocentemente solo per risanare i rapporti, ma che non ha portato all’effetto desiderato.

Quando Suzy va con la scuola a visitare un acquario, le sembra di aver trovato il capro espiatorio della situazione: la medusa Irukandji. Si convince quindi che l’amica sia morta a causa di una puntura di una rara medusa.
Del resto, ogni anno sulla Terra 150 milioni di persone vengono punte da una medusa, quindi perché a Franny non potrebbe essere capitata la stessa sorte?

Suzy desidera solo rimettere insieme i pezzi e scoprire la verità e quale occasione migliore di una ricerca di scienze da presentare alla classe, per far capire a tutti che lei sa?
Inoltre per dimostrare le sue convinzioni la ragazzina è pronta anche ad andare dall’altra parte del mondo per parlare con uno dei massimi esponenti in fatto di meduse.

Ce la farà a raggiungere ciò che vuole e dimostrare che la morte dell’amica è avvenuta per un reale motivo e non per caso?
Scontrarsi con la realtà non sarà facile, ma sarà il primo passo per capire che alle volte le cose brutte capitano e che si cresce anche affrontandole, grazie all’aiuto delle persone che ti stanno accanto.

Temi trattati: morte, crescita, vita scolastica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *