Rusty il selvaggio: una vita da duri

Rusty il selvaggio: una vita da duri

Rusty il selvaggio: una vita da duri, S. E. Hilton, Milano, Rizzoli, 2018.
Età consigliata: dai 13 anni

Vuoi prenderlo in prestito? Usa Il Cercalibri

Rusty il selvaggio aveva quattordici anni quando tutto stava andando alla deriva. Dopo diverso tempo incontra il suo vecchio migliore amico, Steve, e pian piano i ricordi tornano alla mente, anche se fanno male.

Sebbene fosse ancora piccolo, Rusty amava sentirsi grande, fare la parte di quello impavido. Si ritrovava sempre in mezzo alle risse, gli piaceva stare al gioco e pretendeva di essere il migliore, anzi, doveva essere il migliore a ogni costo.

Più di tutto però, Rusty aveva la fissa per il Motociclista, un ragazzo di diciassette anni, un tipo misterioso e oscuro  ma allo stesso tempo molto autoritario, con la passione per la lettura. Il Motociclista non aveva amici, ma tutti lo rispettavano, persino quelli che lo odiavano. Per tutti questi motivi, Rusty, da grande, desiderava diventare come lui.

Come fare a mantenere il ruolo da “duro”? Rusty credeva che potesse bastare cacciarsi in mezzo a qualche litigio in cui, la maggior parte delle volte, veniva ferito e, come se non bastasse, rischiava di farle prendere anche agli altri ragazzi che stavano insieme a lui. Tuttavia, la cosa che gli riusciva meglio, era rimpiangere i bei tempi andati, quando c’erano ancora le bande, con le loro organizzazioni e le loro regole.

Il suo grillo parlante era sempre Steve. L’amico cerca in tutti i modi di allontanare Rusty dal brutto giro nel quale era finito: niente scuola, zero impegno, solo voglia di spaccare il mondo. Ma per Rusty non c’è più scampo: viene espulso da scuola, la brava ragazza con cui era fidanzato decide di lasciarlo e scopre anche di non essere più il leader del suo gruppo…

Che fare? Quando tutto sembrava perso, l’unica soluzione che gli rimaneva era quella di seguire il Motociclista…Ma sarà veramente la scelta più giusta? Rusty il selvaggio riuscirà finalmente a comprendere i suoi errori e a girare alla larga dai pericoli?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *