Myra sa tutto: il sistema operativo intelligente

Myra sa tutto: il sistema operativo intelligente

Myra sa tutto, di Luigi ballerini, Editrice Il castoro, 2020
Età di lettura consigliata: da 13 anni

Vuoi prenderlo in prestito? Usa Il Cercalibri


Copertina di Myra sa tutto, di Luigi Ballerini

«Myra sa tutto» è un romanzo distopico, dove la società è interamente dominata dalla tecnologia.  È così credibile da far pensare che ciò possa avverarsi, anzi, il futuro si trova già dietro la porta. Leggerlo fa venire i brividi.

Tutti usiamo abitualmente i social. Postiamo fotografie, raccontiamo le nostre giornate, le vacanze e gli amori. Le nostre abitazioni sono collegate sempre e ovunque alla rete.

Tuttavia qui troviamo un vero e proprio servizio robotizzato, in grado di fornirci suggerimenti su tutto: dalla temperatura di stiro di un capo, a quale persona è più idonea a diventare tua amica o un partner ideale.

È comodo, non c’è bisogno di pensare. È immediato, esatto e calcolato. Il sistema operativo integrato nella vita di ogni cittadino ti conosce alla perfezione e sa sempre cosa è meglio per te: Myra sa tutto.

Alcuni ragazzi cominciano a chiedersi quanto tutto questo sia giusto, quanto ciò tolga libertà di scelta e di pensiero. Anche perché il Governo sta usando i dati in rete per controllare i cittadini. In fondo, questi dati li hanno forniti i cittadini stessi e sono ben lieti che vengano usati per essere guidati e consigliati: Myra è comoda.

Vera e Ale sono stati scelti come coppia proprio da Myra, ma qualcosa non quadra. Così, con un gruppo di amici, scelgono una via difficile e pericolosa, costituendo una cellula eversiva. Lavoreranno di nascosto contro il sistema, vogliono riavere la libertà negata. Ma a quale prezzo?

“A volte, si parla e non si sente. Non si sente per non provare dolore. Ma nonostante tutto il dolore arriverà. Oh, se arriverà. Nessuno può preservarci totalmente dal dolore. Anche se non si è detto. Anche se non si è sentito.”

“Alla fine la valanga è arrivata. A trecento chilometri orari. Ha travolto tutti. Ha tolto il cielo. Ha tolto il respiro. Date le premesse, non poteva che andare in questo modo.

Niente da aggiungere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *