3300 secondi. Un’ora di scuola ti cambia per sempre

3300 secondi. Un’ora di scuola ti cambia per sempre

3300 secondi, di Fred Paronuzzi, Camelozampa, 2018
Età consigliata: dai 13 anni

Vuoi prenderlo in prestito? Usa Il Cercalibri


Copertina di 3300 secondi di Fred ParonuzziIn «3300 secondi» Fred Paronuzzi racconta la vita di quattro ragazzi scandita nell’arco di un’ora di scuola.

Una qualsiasi ora di scuola può cambiare per sempre chi sei? Si può dare una svolta alla propria vita?

Léa ha mandato la sera precedente un messaggio su Facebook alla compagna di classe Julie, dichiarandole il suo amore. Ora teme che l’indifferenza che l’altra sembra palesare sarà l’unico legame che vi sarà tra loro da quel momento in avanti. Nella sua mente aveva immaginato moltissimi possibili scenari, ma l’indifferenza fa più male di ogni reazione negativa che si aspettava.                                                            Tuttavia, quella che ai nostri occhi può apparire come indifferenza, in realtà può essere semplice paura: paura di aprirsi e di amare.

Ilyes è un immigrato, arrivato in un paese straniero senza conoscere la lingua e ora, dopo molto studio e impegno, parla un ottimo francese e nessuno può permettersi di prendere in giro il suo accento e la sua pronuncia. Inoltre a scuola sta mettendo in scena uno spettacolo teatrale insieme ai compagni Yohan e Maxime. Nonostante la passione in comune per il teatro, Ilyes si sente diverso da loro, perché proveniente da una estrazione sociale differente, ma la diversità può nascondere delle similitudini che possono creare le basi per una vera amicizia.

Océane la sera prima è andata a una festa a casa di una amica. La situazione è degenerata e lei si è ritrovata a perdere se stessa, tra la cattiveria e la brutalità di un ragazzo conosciuto pochi minuti prima. Si vergogna, si sente sporca e in colpa, ma parlare con qualcuno che può aiutarla è un primo passo per poter ritrovare se stessa.

Clément ha perso la sorella, il baricentro del suo mondo, e ora si sente perso, non più interessato alla scuola e alle regole. Viene mandato a colloquio da un consulente d’orientamento, una persona che non lo giudica e che non si aspetta nulla da lui, ma che vuole solo sapere cosa sogna. Perché Clément, che si sente morto dentro, è in realtà vivo e ha tutto il diritto di continuare a sognare, per se stesso, ma anche per l’amata sorella Laurie.

In «3300 secondi» un’ora di scuola riesce cambiare per sempre le loro vite.

Temi trattati: violenza, primo amore, diversità, morte, vita scolastica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *